Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: La Svizzera: un paese retrogrado, razzista e xenofobo! ::
 Themen | Anti-Kapitalismus/Globalisierung | Migration/Antira/NoBorder 01-12-2009 13:00
AutorIn : ((i))
- Il sociologo e filosofo britannico Bauman nel suo libro "Modus vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido", scrisse che "la paura ci spinge ad un atteggiamento difensivo. Una volta assunto, esso da immediata concretezza alla paura.
Sembra che le nostre paure siano diventate capaci di perpetuarsi e rafforzarsi da sè, come se avessero acquistato slancio di per sè e potessero continuare a crescere attingendo esclusivamente alle loro risorse".

In altre parole cerchiamo dei capri espiatori sui quali scaricare l'eccesso di paura esistenziale che non riesce a sfogarsi in modo naturale.
Si fa quindi breccia sul concetto di paura per proporre, ad esempio, leggi razziste e xenofobe che poco hanno a che fare con il concetto di sicurezza.
Come avvenuto nell'ultima votazione che ha visto una parte del popolo svizzero vietare la costruzione di minareti.
Una presa di posizione retrogroda e intollerante, dove gran parte della popolazione ha esternato i più recondidi regurgiti razzisti e xenofobi. Un'ostilità verso "l'altro" fino ad ora malcelata, ma che ora, purtroppo, come descritto nell'analisi di Bauman, sembra crescere ed autoalimentarsi.
Ne è la prova il fatto che l'UDC, entusiasta dell'esito delle urne, si è detta pronta a condurre una campagna anti-islam.

In un altro degli oggetti in votazione la maggior parte delle persone che si sono recate alle urne, si è invece detta contraria al divieto di esportazione di materiale bellico. In questo caso, a far pendere l'ago della bilancia dalla parte dei contrari sono state le preoccupazioni legate alle ricadute economiche. Un altro segnale evidente del degrado di questo paese, così cinico da mettere sullo stesso piatto vite umane e meri interessi economici.

Una serie di inganni e di decisioni assurde e pericolose che sta portando ad una fascistizzazione della società e ad una deriva ultranazionalista che nulla hanno a che fare con parole come quella di tolleranza e di solidarietà di cui tanti, a sproposito, si riempiono la bocca.

::Articoli correlati::
Rassegna stampa post votazioni | Reazioni dall'estero | Dimostrazioni spontanee in varie città | Foto manifestazione spontanea a Zurigo | [Zurigo] Dimostrazioni contro il razzismo | Riflessioni de ilForum
-
-
-
 :: 6 Inhaltliche Ergänzungen : > Ergänze diesen Artikel (.onion )
  Siamo sicuri che sia solo paura, xenofobia e razzismo?
01.12.2009 17:04  
Non è forse semplice e riduttivo giustificare l'esito di questa votazione con le sopracitate motivazioni?
Non si deve forse analizzare più approfonditamente la causa? Una paura è SEMPRE insensata o innata?
Inoltre si dovrebbe sempre rispettare la posizione di chi vota e non denigrarla e additarla come superficiale ed ingenua solo perchè la pensa diversamente. Inoltre darei una rilettura alle parole xenofobia e razzismo, che non devono essere associate e non per forza una implica l'altra.


AutorIn: MMgia
  appunto
02.12.2009 00:06  
una non per forza implica l'altra ed è per questo che è importante metterle tutte e due!


AutorIn: io
  ...ecco...
02.12.2009 09:56  
Quello che intendevo è che se c'è xenofobia non per forza c'è razzismo...evidentemente non mi sono spiegato bene...


AutorIn: MMgia
  diritti civili
04.12.2009 23:55  
Non vanno confusi questi dati della svizzera con la retorica della maggioranza democratica che ha deciso così, per il semplice motivo che quei risultati sono l'indice di una crisi dei valori liberali. Decidere a colpi di maggioranza se costruire o no altri minareti e come far decidere alla stessa stregua ma altrove se i cristiani abbiano o meno diritto di costruirsi un campanile per pregare.
Sono diritti civili. C'è il patto internazionale sui diritti civili e politici del'ONU che sottolinea questo aspetto nei suoi articoli...
Decidere invece tutto ciò con un voto maggioritario è assurdo.
I valori liberali stanno andando verso strade pericolose con la scusa del terrorismo.
Non c'entra nulla il fatto che la maggioranza abbia deciso per il no e quindi va tutto bene per la democrazia.
I diritti civili non si decidono a colpi di maggioranza, e tali sono dal momento che è permesso costruirne senza nessun problema ad alcuni, mentre ad altri si pone il problema della legittimità popolare.
Tutto questo è chiaramente discriminatane e in palese contraddizione con i valori liberali.
A


AutorIn: A
  a
05.12.2009 10:29  
il minareto non è paragonabile al campanile, ha tutt'altro significato che lede i diritti umani, l'iniziativa infatti non ha negato loro di professare il culto, hanno le moschee, possono liberamente compiere giornalmente la preghiera, portare il velo ecc...

inoltre la CH è il paese che conta più etnie differenti che convivono, ed hanno tutte la stessa possibilità di mantenere la tradizione ed il culto del paese di origine, dire che la CH è un paese arretrato e xenophobo è da persone altamente ignoranti e moraliste, in più sarei veramente curioso di vedere una votazione simile a livello europeo.


AutorIn: odin
  A
09.12.2009 12:53  
Mmmh... potremmo dire anche così: non tutti gli individui hanno gli stessi diritti in fatto di religione, tuttavia non ci sarà uguaglianza tra le fedi, non a tutti sarà permesso oltre che a pregare nei luoghi di culto, di costruirne nuovi con i rispettivi simboli religiosi e nei riti che gli sono propri in tutto il territorio nazionale, tranne ovviamente che per cristiani e/o cattolici. Ragion per cui i diritti civili si decidono dappertutto a maggioranza.
Questa è l'uguaglianza dei bacchettoni. Questa è la democrazia dei conservatori.


AutorIn: A
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!